Orefici, caffè e biliardo

Orefici, caffè e biliardo

Nel Settecento operano a Thiene un centinaio di botteghe, 23 liberi professionisti, 500 artigiani, vi sono inoltre carrettieri, cavallari e la cittadina acquista, secondo Nicola Scudella, una conformazione sempre più specifica.

Accanto alle vecchie botteghe artigiane, appaiono ora anche quelle di "mercanzia" o "chincaglie", dove è possibile trovare oggetti particolari o addirittura stravaganti che sono entrati a far parte del corredo delle case. Nel 1699 compaiono un orefice e i primi "Caffè", in uno dei quali funziona anche una "Sala da biliardo".

Lo sviluppo dell'allevamento bovino nelle grandi stalle delle ricche famiglie favorisce anche il commercio caseario. Operano mercanti di formaggio e di burro, nei "casolini" si vendono ricotte. Ma si commercia anche la canapa: la materia grezza, acquistata dai mercanti thienesi, veniva lavorata da numerose filatrici e tessitrici che sapevano ricavarne un buon filato e della bella tela da vendere nei negozi e al mercato. E con la canapa si sviluppa la fabbricazione e la vendita delle corde di canapa.

Torna in alto

Servizi

Territorio

Categorie

  • Abbigliamento
  • Antiquari
  • Arredamento
  • Bar e pubblici esercizi
  • Calzature
  • Cartolibrerie
  • Distributori carburante
  • Elettrodomestici
  • Farmacie
  • Macellerie
  • Mobili
  • Oreficerie
  • Ortofrutta
  • Ottica
  • Panifici
  • Ristorazione

Eventi

Ascom Thiene

Sito

Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookie, in alcuni casi trasmessi anche da terze parti (Facebook, Pinterest, Google). Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.